Simonetti: inizia l'iter per il riordino delle Province. • Roberto Simonetti

Simonetti: inizia l’iter per il riordino delle Province.

Inserita martedì, 28 Agosto 2012 | da: roberto simonetti
Condividi questo articolo:

Inizia l’iter per il riordino delle Province con la prima convocazione per il Consiglio delle Autonomie Locali, domani pomeriggio alle 15 presso l’aula del Consiglio Regionale del Piemonte.

L’iter prevede che il CAL appunto entro il 3 ottobre prossimo formuli alla Regione una ipotesi di riordino delle istituzioni provinciali. Successivamente la Regione , entro il 25 ottobre formula la sua proposta di riordino al Governo che si è impegnato nell’ultimo Consiglio dei Ministri di produrre entro fine anno l’atto legislativo conclusivo del riordino medesimo.

I tempi quindi sono stretti e la partita è molto ampia e complessa a cui si andrà ad inserire anche tutta la riorganizzazione territoriale della presenza delle sedi ministeriali e governative.

La vera spending review infatti, non è eliminare i piccoli costi della politica attraverso l’eliminazione delle giunte e dei presidenti eletti direttamente, ma sarà quella dei dipendenti pubblici, e del riordino delle varie agenzie provinciali (Catasto, Demanio, Registro, Entrate, Motorizzazione, per esempio) e dei comandi delle Forze dell’Ordine provinciali (Questura, Carabinieri, Finanza, Prefetture, Vigili del fuoco, Forestale, etc.)

Ecco che per il Biellese inizia di sicuro un nuovo futuro: con logiche nuove, di ampio respiro europeo e moderno se si andrà verso una grande provincia di Quadrante con Novara, Verbania e Vercelli: Altrimenti sarà un futuro di compromesso, debole e stantio se si sceglierà il passato, unendoci solo con Vercelli.

Io mi adopererò con forza e passione per il Quadrante! E sono cero che la maggioranza dei biellesi sia con me!

Leggete la mia intervista a Eco di Biella del 27 agosto scorso che ho inserito su questo sito alla pagina

 

https://www.robertosimonetti.it/foto/Simonetti_quadrante-unica-via.pdf

 

 


Rimani aggiornato:


    Premendo su INVIA, si acconsente al trattamento dei dati come indicato nell'informativa sulla Privacy.


    FACEBOOK: