Simonetti: aiutiamo le attività ricettive di montagna

Inserita sabato, 12 luglio 2014 | da: roberto simonetti
Condividi questo articolo:

Nel decreto turismo ho ottenuto dal Governo l’impegno, in tema di credito di imposta per i lavori di ristrutturazione,  di destinare comunque una quota del 10% della somma totale a favore delle ristrutturazioni delle attività turistiche di montagna, visto che la suddivisione delle stesse avverrà a consumo in ordine cronologico delle richieste.
Questo potrà essere una occasione interessante per le attività turistiche biellesi per ottenere crediti di imposta per le migliorie effettuate nelle loro strutture . Il tutto finalizzato al rilancio turistico del biellese mediante una migliorata offerta logistica.
On. Roberto Simonetti

ORDINE DEL GIORNO
La Camera,
premesso che:
l’articolo 10, del decreto-legge in esame, per migliorare la qualità dell’offerta turistica italiana concede alle imprese alberghiere un credito d’imposta nella misura del 30 per cento delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia e abbattimento delle barriere architettoniche;
il patrimonio alberghiero italiano appare obsoleto e non più rispondente alle esigenze dei consumatori, richiedendo la realizzazione di ingenti investimenti;
le risorse stanziate dal presente provvedimento, se pure rappresentano una timida apertura alle esigenze del settore, sono assolutamente esigue e rischiano di disperdersi nell’ambito del panorama alberghiero italiano, mancando l’obiettivo del rilancio del settore;

nel settore esistono oggi tante piccole realtà imprenditoriali che si trovano collocate in territori disagiati, come quelli montani, che a valere sulle risorse stanziate dal presente decreto, potrebbero realizzare rilevanti interventi di ristrutturazione, necessari per rilanciare l’offerta turistica dei territori che li ospitano;
sarebbe opportuno un intervento mirato nei confronti delle suddette strutture, il cui rilancio potrebbe contribuire in modo determinante alla ripresa dell’intero  settore turistico italiano;

queste strutture svolgono un’importante funzione di raccordo dei turisti con i territori di montagna che li ospitano e sempre più spesso gli albergatori ricoprono un ruolo di veri e propri custodi del paesaggio e delle tradizioni dei territori medesimi;
impegna i Governo
nell’ambito delle risorse stanziate in favore della riqualificazione del comparto turistico alberghiero, a destinare una quota parte di tali risorse, pari almeno al 10 per cento, alle imprese alberghiere situate nei territori di montagna, per favorirne la ristrutturazione e l’ammodernamento.
On. Roberto Simonetti

Rimani aggiornato:

FACEBOOK: