LEGITTIMA DIFESA: SIMONETTI (LN), NO AD UNA LEGGE TRUFFA

Inserita sabato, 6 maggio 2017 | da: roberto simonetti
Condividi questo articolo:

Si parla molto della legge sulla Legittima Difesa. Per noi di Lega Nord quella proposta e votata dal PD è una truffa legalizzata a danno delle persone perbene, delle persone oneste e delle vittime dei reati.

Noi rivendichiamo, con orgoglio, il fatto di essere stata la prima forza politica ad aver presentato, oltre due anni fa, una proposta di legge seria, per garantire in modo chiaro, certo, esteso, un principio, che è il principio della legittima difesa, il sacrosanto diritto di poter difendere la propria abitazione, la propria incolumità, l’incolumità dei propri cari, il domicilio e la proprietà privata intese come estensione del proprio corpo: sacro e inviolabile è il corpo umano, sacro e inviolabile è quindi il domicilio.

Perché allora, diciamo “no” alla legge di Renzi? La risposta la formulo con alcune domande.

Il cittadino avrà la certezza di quali atti a sua tutela potrà compiere all’interno della propria abitazione e di quali invece potrà essere sanzionato per eccesso di legittima difesa? Assolutamente “no”.

Finalmente il domicilio sarà sacro e inviolabile? Assolutamente “no”, il domicilio continuerà ad poter essere violato da ladri e criminali.

Il cittadino, con questa legge, eviterà la gogna e l’agonia processuale di processi lunghi anche per anni? Assolutamente “no”.

Con questa legge si eviterà a coloro che si difendono in casa  di dover risarcire il criminale? Assolutamente “no”.

E’ stato cancellato l’eccesso colposo di legittima difesa? Assolutamente “no”. E questa è una parte per la Lega Nord dirimente: o c’è sempre  legittima difesa, e quindi il diritto di difendersi da un’aggressione all’interno della propria abitazione, domicilio, luogo di lavoro, oppure non c’è. Purtroppo l’eccesso colposo di legittima difesa continuerà ad esistere con questa legge.

Viene limitata e ridotta la discrezionalità o l’arbitrio del magistrato? Assolutamente “no”. Infatti rimarrà il giudizio discrezionale da parte del magistrato che comporterà sentenze diverse per fatti identici, e fatti simili verranno giudicati in maniera diversa da giudice a giudice, da procura a procura, da tribunale a tribunale perché la discrezionalità del magistrato verrà aumentata. Infatti sono stati introdotti due concetti inaccettabili: il grave turbamento psichico che il magistrato dovrà valutare ex post, e cioè  se al momento in cui il cittadino si è difeso all’interno della propria abitazione stava patendo un grave  turbamento psichico, e soprattutto il concetto ridicolo che la legittima difesa è prevista “di notte”! E quando sono le ore notturne? Come potrà giudicare un magistrato se il fatto è stato commesso in prossimità di un’ora notturna oppure no?.

Inoltre con questa legge l’onere della prova non viene invertito: saranno sempre il cittadino o il lavoratore onesto e perbene a dover continuare a dimostrare e a giustificare il motivo per cui si sono semplicemente difesi da un’aggressione all’interno delle loro proprietà.

Ecco, perche ho votato no, la Lega Nord ha votato no. Non vogliamo alimentare un clima da Far West, per il semplice fatto che il Far West esiste già. Ed esiste semplicemente perché il PD con gli sconti di pena, con gli svuotacarceri, con gli indulti mascherati ha azzerato due principi fondamentali: il principio di sicurezza e il principio della certezza della pena.

La Lega Nord   non vuole armare i cittadini, ma vuole disarmare i criminali.

On. Roberto Simonetti – Lega Nord Padania

Rimani aggiornato:

FACEBOOK: